Insetto mentale

Strane visioni e immagini disturbano la mente del soggetto: un organismo sconosciuto fa il nido tra le pieghe del cervello, lasciando che le proprie larve si nutrano di proteine ed altre sostanze direttamente dal liquido amniotico nella quale galleggia la massa cerebrale. Questo causa fisicamente un cambio di colore della pelle che diviene color cenere/ossidiana. La perdita di alcune sostanze chimiche indebolisce il metabolismo con conseguente decolorazione dei capelli che divengono pallidi/bianchi e l'impossibilità di assimilare cibi solidi; le uniche sostanze nutritive ammesse devono essere ridotte a minestre fumanti calde o cibi liquidi ad alta digeribilità (ogni pasto consumato è rigettato nell'arco di 30 minuti). L'insetto mentale però concede la facoltà di "comunicare" con forme di vita a struttura "societaria-interconnessa" (come le formiche o le api, o creature del buio simili). Questa comunicazione non è ovviamente un dialogo, ne tantomeno permette di dominare tali creature ma piuttosto facilita l'interpretazione delle intenzioni di tali "creature". Spesso chi possiede questo tratto del Buio ama circondarsi da insetti di vario genere: formiche, zecche, millepiedi, mosche etc etc. divenendo quindi "immune" alle loro punture o morsi (non è immunità fisica sia chiaro, semplicemente gli insetti NON mordono volontariamente il soggetto) 
Questa mutazione è sempre attiva. 
COSTO AB 2


Previous page: Fame atavica
Pagina seguente: Sperone vampiro