Parassita ventricolare

La morfologia biologica del soggetto colpito da questo tratto muta drasticamente generando una creatura organica e viscida che va ad alloggiarsi al di sotto del plesso solare, dietro lo sterno. Questo essere parassitario attinge energia nutrizionale dal suo ospite ricambiandolo con una funzionalità del tutto simile a un secondo cuore. Questo cuore secondario ha un duplice scopo: in condizioni ottimali e di sforzo fisico del cuore biologico, non si avvertirà fatica e le prestazioni non subiranno grandi cali. Inoltre in caso di gravissimi traumi che pregiudichino il corretto funzionamento del cuore naturale, il *Parassita ventricolare* è in grado di sostituirlo per un breve periodo al fine di proteggere la propria fonte di sostentamento. In caso di arresto cardiaco del muscolo biologico, il cuore secondario può prenderne il posto per sessanta minuti garantendo perfetta ossigenazione del cervello, prima che la morte sopraggiunga (+2 robust.) 
COSTO AB 2


Previous page: Carne morta
Pagina seguente: Ira organica